Sei in

malekula vanuatu

Malekua. Vanuatu per superficie ha la particolarità di avere sviluppato una grande varietà di culture e lingue differenti (se ne contano ben 30 per poco più di 20.000 abitanti), che si sono conservate nel tempo grazie a una serie di circostanze favorevoli. Innanzitutto, l'assenza sull'isola di piantagioni di sandalo rese quest'isola poco interessante per i colonizzatori, che preferirono dedicarsi allo sfruttamento di altre isole dell'arcipelago; inoltre, l'inospitale foresta tropicale che ricopre l'interno dell'isola e i bellicosi indigeni, praticanti il cannibalismo, che vi abitavano fino alla metà del secolo scorso, dissuasero l'uomo bianco dall'avventurarsi in questa regione fino a tempi molto recenti. L'arte locale si differenzia da quella delle altre isole di Vanuatu ed è caratterizzata da variopinti copricapi e maschere cerimoniali, nonché manufatti in terracotta dalle forme strane e allungate. Si stima che più della metà degli oggetti d'arte indigena di Vanuatu presenti nelle collezioni dei vari musei sparsi per il mondo provenga da quest'isola. L'interno è coperto dalla foresta tropicale e la popolazione si è oggi trasferita quasi totalmente nei villaggi lungo la costa. Malekula è famosa per le tribù che vivevano all'interno dell'isola: i“Big Nambas” e gli “Small Nambas”, spesso in passato in guerra fra di loro e noti per praticare il cannibalismo fino in tempi recenti. Da notare, a titolo di curiosità, che gli appellativi “Big Nambas” e “Small Nambas” derivano dalla misura dei cappucci fatti di foglie arrotolate con cui i maschi delle tribù erano soliti ricoprire i propri attributi virili. Il Malakula Cultural Centre, situato a Lakatoro, il principale villaggio dell'isola, svolge un importante ruolo di conservazione e documentazione delle antiche culture e lingue delle popolazioni dell'isola.

Richiedi un Preventivo


© 2012 Fijitime - Tutti i diritti riservati - P.IVA 04452210232